Ricchezza Ambientale

Ricchezza ambientale e idrica per il mondo

Una delle principali ricchezze naturali su cui la Colombia può contare, oltre alla sua biodiversità, sono le sue risorse idriche; proprio per questo, la loro conservazione e il loro sfruttamento è sempre stato un tema prioritario per lo Stato. La comunità internazionale riconosce il gran valore delle risorse ambientali della Colombia: secondo alcune stime della FAO, il Paese possiede risorse idriche rinnovabili vicine ai 2.300.000 milioni di metri cubi all’anno, caratteristica che lo rende uno dei più ricchi di acqua nel mondo.

Il suo ruolo da protagonista nel comparto ambientale è ampiamente sostenibile. La Colombia dispone di circa 30.000 chilometri quadrati di ecosistemi di páramo, che sono i principali produttori di risorse idriche al mondo. È stato valutato che il Paese possiede la maggior estensione di brughiere del mondo e, secondo l’Unione Europea - UE, le brughiere della Colombia rappresentano quasi il 50% del totale nel mondo.

Anche la biodiversità così particolare dei páramos rappresenta un baluardo per il Paese. Si calcola che il 60% delle specie delle brughiere della Colombia siano endemiche, comprese varie specie di muschio che possono immagazzinare fino a 40 volte il loro peso in acqua, motivo per il quale la loro conservazione è prioritaria. Attualmente, esistono 30 aree di brughiere protette, compreso il Parco Nazionale Natural Sumapaz, che appartiene al complesso di brughiera più grande del mondo.

Anche l’importanza delle brughiere per le risorse idriche è prioritaria e fondamentale. Attualmente, più di 25 milioni di colombiani dipendono dall’acqua prodotta dal sistema di Parchi Naturali, che comprende le brughiere e le sorgenti dei principali fiumi del Paese. Da essi, derivano i cinque bacini idrografici della Colombia –Amazzonia, Caraibi, Catatumbo, Orinoco e Pacifico- che irrigano quasi tutto il territorio nazionale. Ne costituiscono un esempio i 10.000 milioni di metri cubi di acqua all’anno che cadono dal Parco Nazionale Naturale Sierra Nevada di Santa Marta, che equivalgono a quasi 40 milioni di piscine olimpiche, per rifornire la regione colombiana dei Caraibi.

Le risorse idriche della Colombia rappresentano la principale fonte di approvvigionamento per la popolazione, ma sono anche fonte di energia per l’intero Paese. Per esempio, nella brughiera di Chingaza si produce l’80% dell’acqua potabile fornita a Bogotà e ai comuni vicini, ma si produce anche il 30% dell’energia elettrica che Bogotà consuma. Questo dimostra l’importanza della cura e della protezione delle risorse idriche, mirando a un futuro Naturalmente Sostenible.