Architettura

Diversità e dinamismo nell’architettura del padiglione

Il concept architettonico proposto da Manuel Villa Arquitectos di Bogotà e disegnato dallo Studio Cardenas Conscious Design di Milano –studio che ha anche ideato il tema centrale dell’EXPO-, ha un aspetto moderno, che esprime innovazione e sostenibilità. Il progetto del padiglione è ispirato alle fasce climatiche e quindi i 1.907 metri quadrati dell’edificio sono stati suddivisi in quattro spazi, che rappresentano le diverse altitudini, dal livello del mare fino ai ghiacciai.

La facciata è un’allegoria della diversità propria di un viaggio attraverso la Colombia. Le immagini di fauna e flora che decorano l’esterno cambiano a seconda della posizione di chi le guarda. Questo dinamismo è constante e caratterizza la visita di tutto il  padiglione, espresso attraverso un gioco di sapori, aromi, textures e colori che evocano la natura contrastante della Colombia.

Guacamayas, rane, farfalle e altre specie della ricca fauna colombiana adornano il perimetro del padiglione. Queste danzeranno sullo sfondo di sei diversi paesaggi colombiani, mostrando la bellezza dei fiumi e delle lagune, l’imponenza dei mari, la grandezza dei deserti e la tranquillità delle spiagge del Paese, in riferimento a solo alcuni dei paesaggi naturali della Colombia.

Esprimere la naturale sostenibilità è uno dei principali obiettivi del progetto del padiglione. Per questa ragione, è costruito in legno d’abete, uno dei materiali più usati nell’edilizia a basso impatto ambientale. Le lamine di legno vengono dal Friuli, uno dei principali produttori di legno del nord Italia; sono leggere e di facile assemblaggio e possono essere trasportate più facilmente.